Crea sito
Il peccato e la vergogna 1a serie – 3a puntata

Il peccato e la vergogna 1a serie – 3a puntata

Dopo che Carmen è venuta a conoscenza della gravidanza, informa Giancarlo, nel frattempo impegnato con un’altra donna. Giancarlo decide di aiutare Carmen ad abortire, ma lei, di tale disponibilità, ne rimane sconvolta. Francesco intanto rivela a Giulio di essere per metà ebreo, proponendogli di fuggire al più presto dall’Italia per non cadere vittima dell’antisemitismo, rivelando di essersi pentito a non aver dato ascolto a sua moglie Elena. Carmen, nel frattempo, decide di fingere che il bambino che sta aspettando è di Giulio: desidera prendersi una piccola rivincita, sia su Giancarlo, che della sua condizione sociale: decide di fingere di amare Giulio, per poi mettere in atto una messa in scena, con l’aiuto del dottor Gilsenti, nella quale farà credere che il bambino è nato prematuramente. Nito nel frattempo viene incaricato da Dilmo Duranti, il direttore della rivista Difesa della razza, di incastrare il generale Maranzana, in modo da essere promosso a commissario: si scoprirà che il generale ha avuto una figlia da una donna di colore e verrà successivamente arrestato. Intanto Francesco organizza la partenza della famiglia verso gli Stati Uniti. Nel frattempo, tra Elisa e Nito scoppia la passione, [2] fino a quando non trascorrono la notte insieme. Giancarlo affronta Carmen, gli chiede di non dire a nessuno che il figlio è suo, mentre Elisa rivela alla famiglia la sua relazione con Nito, che reagisce molto male, fino alla proibizione di vederlo. Così vista la complessa situazione, Francesco rivela al resto della famiglia la loro radice ebrea. Poi, Carmen rivela a Giulio che il bambino che aspetta non è suo, ma lui è intenzionato ad aiutarla comunque. Elisa così scappa di casa e rivela tutto ciò a Nito, il quale tenderà un’imboscata il giorno dopo, uccidendo Giulio, la madre e l’autista e quasi Giancarlo, che però si salverà per miracolo, miracolo giunto da una ragazza partigiana: Piera.

Comments

comments

Lascia un commento