Crea sito
Rimbocchiamoci le maniche episodio 4 Mercoledì 28 settembre

Rimbocchiamoci le maniche episodio 4 Mercoledì 28 settembre

Caty ancora visibilmente scossa per aver visto sua madre e Paolo mentre si baciavano. Angela le aveva detto che odia “dire le bugie” e lei si sente tradita, senza sapere che era il loro primo bacio. Caterina incontra Antonio e gli chiede di portarla a Roma in auto.Nel frattempo si scopre che Dorina si è fortemente indebitata a causa del gioco d’azzardo. La donna tenta il suicidio ma Angela la vede in tempo e la ferma. Le altre quindi si riuniscono per discutere, Dorina dice anche che da un anno non paga più l’affitto e ha pure ricevuto lo sfratto. “Mi dovete tenere rinchiusa se no ci vado di nuovo a giocare”, confessa la donna. Gina le offre di stare a casa sua.Caty ha un ripensamento, litiga con Antonio e si getta fuori dall’auto mentre lui le grida che è una pazza. Angela invece va alla sala dove si gioca d’azzardo: il locale è stato ricavato da un teatro dell’800, il Politeama. Anche Lorenzo, il compagno di scuola di Ercole, sembra essere stregato dalle sale slot. Per Angela inizia una nuova sfida: provare a farle chiudere.Nel frattempo Corrado, l’uomo di Delfino, porta avanti il piano per avere informazioni sulla Tusco e la sua giunta da poter usare contro di loro al consiglio comunale: seduce del tutto Daniela e la bacia.Fabio va a casa di Angela con un po’ di spesa dato che il suo frigo era vuoto. Angela lo ringrazio per il suo appoggio al Comune dell’altra notte, lui le dice che forse ha cambiato idea sul suo incarico di sindaco ma lei non gli crede: “Sei un bugiardo patentato”.Angela poi lo manda via: è molto preoccupata perché Caty non è a casa e Paolo le ha detto che a scuola non si è presentata; la ragazza non le risponde quando la chiama al cellulare. In quella spiaggia c’è anche Dario che sta facendo surf: Caty ruba una tavola e si butta in acqua. Il giovane riesce per fortuna a salvarla ma non a convincerla a chiamare sua madre per farle sapere che sta bene.

Comments

comments

Lascia un commento